Piega la schiena, salvi la balena

Camminare lentamente aderisce con grande entusiasmo a questa importante iniziativa
Saremo sabato 21 aprile con il gruppo di Cisterna d’Asti alle ore 14,30 in piazza del Castello
Vi aspettiamo

Sabato 21 Aprile 2018    Presentazione dell’iniziativa Piega la schiena: salvi la balena

L’iniziativa, che verrà presentata a Casa Natura sabato 21 aprile 2018, si propone di coinvolgerci nella pulitura dei percorsi durante le nostre camminate, per impedire che plastiche abbandonate arrivino al mare attraverso rii e fiumi.
Tre camminate con raccolte di plastiche sul percorso partiranno sabato 21 Aprile alle 14.30 rispettivamente da Canale (piazza Martiri), da Cisterna d’Asti (dal Castello) e da Montà (piazza vecchia Parrocchia). Arrivo previsto a Casa Natura per le ore 16.
Promotori dell’iniziativa: Ass. Canale Ecologia – Ecomuseo delle Rocche del Roero – Ass. Camminare Lentamente – Cooperativa Erika.

5 Buoni motivi per piegare la schiena e raccogliere oggetti di plastica abbandonati.
1°- L’inquinamento degli oceani ha raggiunto livelli spaventosi con cinque trilioni di pezzi di plastica galleggianti che influiscono in maniera determinante sulla moria di pesci sia di piccole che di grandi dimensioni, comprese le balene.
2°- I macro pezzi di plastica si trasformano con il tempo in microplastiche mescolate all’acqua che pregiudicano irrimediabilmente la vita del mare e la stessa catena alimentare.
3°- Delle 22.000 tonnellate di plastica scaricate giornalmente in mare nel mondo, fanno parte anche le “nostre“, che finiscono nel Mediterraneo, con 1,2 milioni di frammenti plastici per ogni chilometro quadrato.
4°- E’ pur vero che il problema va risolto alla radice sostituendo le produzioni di materiali plastici con altri biodegradabili, ed ottimizzando distribuzione, uso, relative raccolte, e riciclaggio; resta il fatto che incuria, zero senso civico, difficoltà a sanzionare i malavitosi che abbandonano piccoli rifiuti in ogni dove (che poi puntualmente finiscono in mare), determinano l’attuale stato delle cose: fra sette anni vi sarà in mare una tonnellata di plastica per ogni tre tonnellate di pesce.
5°- In Italia una percentuale minima di sporcaccioni incivili abbandona bottiglie e involucri di ogni genere, provocando, in particolare lungo le strade, uno spettacolo deplorevole, ma quel che è peggio fornisce la materia prima per il colossale inquinamento dei mari. Gli sporcaccioni vanno fermamente denunciati, esecrando il loro comportamento e invitando la forza pubblica a fare rispettare le leggi. Ma intanto non stiamo a guardare, diamo il buon esempio: PIEGHIAMO LA SCHIENA PER SALVARE LA BALENA .
Non più del 5 % di cittadini abbandona rifiuti: resta quindi un 95% di persone sostanzialmente corrette e rispettose dell’ambiente. Di questo 95% basterebbe un 10 % motivato e virtuoso per capovolgere la situazione: piegando la schiena si salva l’ambiente e la balena.
E’ dimostrato che l’esempio è contagioso e si trasmette. In questo caso educherebbe all’amore per il territorio e al rispetto delle leggi dell’uomo e della natura.
Sono in molti oramai a sentire l’urgenza di questi piccoli gesti, e si sta diffondendo il Plogging, ossia il correre raccogliendo rifiuti, un invito rilanciato in Italia da “KEEP CLEAN AND RUN” #pulisci e corri.
Noi proponiamo di raccogliere piccoli rifiuti di plastica (bottiglie e altro), semplicemente camminando da soli o in gruppo.
Nelle camminate organizzate o in quelle solitarie a contatto con la natura: piegare la schiena per salvare la balena.
Vi chiediamo di far parte della squadra operativa di Salva la Balena aderendo al gruppo su Facebook e dichiarando la disponibilità a piegare la schiena.
E’ importante conoscersi per mezzo dei social e poter costituire via via un piccolo esercito di volontari pulitori. Cosa comporta questa adesione?
– Soltanto la disponibilità, a discrezione vostra e in occasioni che lo permettano, di raccogliere oggetti di plastica o altro, abbandonati.
– Quando possibile scattare la foto del materiale raccolto e postarla sulla pagina Facebook di Piega la schiena salvi la balena, indicando la zona, la via del paese o città in cui si è svolta l’operazione di volontari pulitori.
Buona vita a tutti nel rispetto della Natura.
Buon Paesaggio senza rifiuti in abbandono e viva la balena.

Commenti chiusi