Aspettando la Giornata della Terra, piccola rassegna cinematografica

Piccola Rassegna Cinematografica “Aspettando la Giornata della Terra”
a cura di Fiab Torino “Bici e dintorni” e APS Camminare lentamente, con il patrocinio del Comune di Torino e di BinariaLe tematiche legate all’ambiente e a nuovi stili di vita più lenti e sostenibili sono tra le finalità delle nostre associazioni, pertanto si è deciso di promuovere, anche quest’anno, con un mese di anticipo, la Giornata della Terra, che si festeggia il 22 aprile, organizzando un mini ciclo di film.

All’inizio e alla fine della mini rassegna, due film molto noti (Il sale della terra e Domani) per portare l’attenzione del pubblico su progetti, buone pratiche ed esperienze innovative sviluppatesi nel mondo per portare a un ripensamento del nostro stile di vita e a rivalutare i concetti di lentezza e di limite, considerandoli elementi positivi e propulsivi e non zavorre che frenano il progresso.
Nel mezzo una serata dedicata ai lavori di un giovane e promettente regista piemontese, Sandro Bozzolo e alle sue esperienze nella valli cuneesi.

La rassegna si articolerà in 3 serate che, sempre il giovedì con inizio alle 20.30, si svolgeranno tutte a Torino presso Binaria del Gruppo Abele in via Sestriere 34 con il seguente programma:

22 marzo
Il sale della terra (2014) di Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado
Nel 1969 Sebastiao Salgado lascia con la moglie il Brasile e il suo regime militare per trasferirsi in Europa e lavorare per l’International Coffee Organization. Per lavoro viaggia molto e comincia a sviluppare un interesse nei confronti della fotografia, al punto che nel 1973 abbandona una promettente carriera di economista per dedicarsi alla fotografia. Il documentario racconta i suoi progetti più importanti poi pubblicati in libri sull’America Latina (The Other Americas), sulle drammatiche condizioni dei popoli africani (Sahel: The End of the Road), sulle condizioni dei lavoratori in giro per il mondo (Workers), sulle grandi migrazioni umane (Migrations) ed infine sugli angoli del pianeta non ancora contaminati dalla modernità (Genesis). Salgado racconta anche del progetto che porta avanti assieme alla moglie di riforestazione della Mata Atlantica.
Premio Cesar come miglior documentario nel 2015.

12 aprile
Ilmurrán – Maasai in The Alps (2015) di Sandro Bozzolo
estratti di Le Voci del Tanaro (2012) di Sandro Bozzolo
Nel primo documentario, una giovane ragazza Maasai raggiunge nell’estate 2014 una pastora piemontese sui pascoli delle Alpi Marittime. Due donne diverse per colore di pelle, generazione e lingua hanno vissuto una stagione d’alpeggio insieme, condividendo il lavoro, raccontandosi la loro storia, riconoscendosi più vicine. Le loro voci arrivano da lontano. L’una e l’altra incarnano culture che oggi si trovano di fronte a scelte decisive, necessarie per la loro sopravvivenza. Ilmurrán significa “guerrieri”, perché la loro è una storia di resistenza.
Premio “Torino e le Alpi” XVIII Cinemambiente e selezione ufficiale 63° Trento Film Festival

Il secondo documentario è un viaggio geografico e linguistico lungo i 276 km del percorso del fiume Tanaro che segnano la discesa delle acque e sono caratterizzati da profonde differenze e idiosincrasie di carattere linguistico, culturale, geologico e ambientale.
Seguendo la discesa delle acque, dalla sorgente al punto d’incontro con il Po, ci soffermiamo sui differenti dialetti e sulle variazioni linguistiche che determinano la vita delle comunità umane, prima che queste cadano nell’oblio. Allo stesso tempo, l’intero viaggio offre la possibilità di avvicinarsi alla nuova realtà geopolitica della Tanaria, uno “stato dell’anima”.

Alla proiezione sarà presente l’autore Sandro Bozzolo.

19 aprile
Domani (2015) di Cyrille Dion e Mélanie Laurent
Un emozionante e stimolante viaggio intorno al mondo alla ricerca di soluzioni efficaci per dimostrare che un domani migliore è possibile. Partendo dagli esperimenti più riusciti nei campi dell’agricoltura, energia, urbanistica, democrazia, economia e istruzione, i registi immaginano un nuovo futuro per noi e per i nostri figli. Risultato: una sorprendente, contagiosa e ottimista spinta al cambiamento, a partire già da domani.
Premio Cesar come miglior documentario nel 2016.

Ingresso libero

Per informazioni e prenotazioni:
info@biciedintorni.it, 328-9618668
camminarelentamente2gmail.com, 380-6835571

Commenti chiusi