Gruppi

Camminate giornaliere e trekking di più giorni

Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi (Marcel Proust).

Camminare lentamente, attiva da alcuni anni sul territorio piemontese, promuove la vita in armonia con la natura, la voglia di camminare, le buone pratiche per vivere meglio e mitigare il cambiamento climatico. Siamo una specie sociale e oggi quello che manca è la relazione umana e questa tentiamo di favorire. Cerchiamo anche di approfondire gli aspetti naturalistici, storici e monumentali del territorio, facendone conoscere e valorizzando le bellezze monumentali e ambientali, le risorse culturali ed enogastronomiche.

Ecco alcune proposte da concordare insieme

L’Anello Verde di Torino

1) L’ambiente fluviale del Po

Questo itinerario si sviluppa lungo la sponda destra del Po partendo dalla zona del Baino, all’ingresso del Parco del Meisino e la confluenza con la Stura di Lanzo, per raggiungere la Borgata di Madonna del Pilone fino all’omonima chiesa.

Percorso: Parco del Meisino – Ponte Sassi – Madonna del Pilone

 Totale 4,5 km, dislivello 0 metri, livello difficoltà: 1, bus urbani per il rientro

2 a) Dal Po alla Collina

2 b) Dal Po alla Montagna

 L’itinerario costeggia il fiume Po, alternando tratti in terra battuta a tratti su strada asfaltata, notevoli testimonianze storiche ed architettoniche. Giunti in piazza Gran Madre si può scegliere l’itinerario a se raggiungere Villa della Regina (ingresso gratuito) o l’itinerario b e salire al Monte dei Cappuccini che ospita l’interessante Museo della Montagna (ingresso 7 €)

Percorso: Madonna del Pilone – Ponte Regina Margherita – Ponte Vittorio Emanuele I – Chiesa della Gran Madre – Villa della Regina o Monte dei Cappuccini (a scelta)

Totale 4,5 km, dislivello 150 metri, livello difficoltà: 1, bus urbani per il rientro

 3) Le “Vigne della Collina”

 Affascinante itinerario vicino alla riva del Po che permette vedute magnifiche sul prospiciente Parco del Valentino e sul Borgo Medioevale. Poco prima del ponte Isabella si attraversa Corso Moncalieri per entrare nel Parco Leopardi e poi nel Parco San Vito. Usciti dal parco si raggiunge

l’omonima chiesa e poi si ritorna a Villa Abegg, un tempo “Vigna di Madama Reale” e oggi sede dell’Archivio Storico della Compagnia di San Paolo di Torino (ingresso gratuito).

Percorso: Ponte Umberto I – Ponte Isabella – Parco Leopardi – Parco San Vito – Chiesa di San Vito Villa Abegg (Str. San Vito-Revigliasco 65)- Corso Moncalieri

Totale 5 km, dislivello 300 metri, livello difficoltà: 2, bus urbani per il rientro

 4) Superga

Percorso ad anello nel cuore del Parco di Superga lungo la valle del Rio di Costa fino a raggiungere la celebre basilica juavarriana. Possibilità di visitare le tombe e l’appartamento reale (4 €) o salire alla cupola juvarriana (2 €)

Percorso: sentiero 29 all’andata e sentiero 30 al ritorno

Totale 8 km, dislivello in salit 450 metri, livello difficoltà: 3, bus urbani per il rientro

Collina Chierese e Astigiana

1) Dal Murè a Valle Ceppi

Itinerario collinare dalla periferia del centro urbano di Chieri alla frazione Valle Ceppi di Pino Torinese. Numerose le testimonianze di antiche cascine e “vigne” (ville) storiche, alcune recentemente recuperate. Possibilità di visita alla cappella di Sant’Irene (Superghetta) e al Museo delle Contadinerie e della cultura materiale (gratuito)

Percorso: Porta Garibaldi – Cappella Sant’Irene – Strada Valle Pasano – Valle Ceppi – visita al

Totale 5 km, dislivello 100 metri, livello difficoltà 1, pochi bus di linea, navetta per il rientro

2) Alle sorgenti del Tepice

Percorso alle porte di Chieri per scoprire le antiche ville di strada della Serra verso la Cappella di Sant’Irene (Superghetta), Valle Ceppi e il Parco di Superga. Pranzo al sacco a Valle Ceppi e visita al Museo delle Contadinerie e della cultura materiale.

Percorso: Partenza da Porta Garibaldi a Chieri – Cappella Sant’Irene – Valle Pasano – Valle Ceppi -– pranzo al sacco – Tetti Rocco – Mont Cervet – Monte Aman – Bric Palouc – navetta per rientro

Totale 10 km, dislivello 400 metri, livello difficoltà: 2, navetta per il rientro

3) Tra vigneti e frutteti

Percorso ad anello sulle colline chieresi tra strade bianche e carrarecce con ottimi punti panoramici sulle Alpi, il Monferrato e le Langhe. Nella borgata Canarone possibilità di visitare i frutteti dell’azienda sperimentale della Facoltà di Agraria a Tetti Grondana.

Percorso: Airali – Canarone – Tetti Grondana – Strada Caprigliano – Strada Quaglino – Airali

Totale 5 km, dislivello 100 metri, livello difficoltà 1, pochi bus di linea, navetta per il rientro

4a) 4b) Antiche ville della collina chierese

Percorso tra le colline ricche di antiche cascine e “vigne” sei-settecentesche con possibilità di visita al Museo di Storia Naturale di Villa Brea e alla seicentesca Villa Il Passatempo con il suo splendido parco (ingresso gratuito). Giunti all’azienda agricola “Un amore d’asino” si può scegliere se raggiungere la frazione San Felice o tornare indietro a Madonna della Scala.

Percorso: Madonna della Scala – Strada Passatempo – Strada Vajors – Strada Passatempo – Villa Passatempo – dx Strada Tetti Rocco – Strada Tetti Marsino – azienda agricola “Un amore d’asino” – Cappella San Felice (eventuale pranzo o merenda sinoira Agriturismo San Felice) o Strada del Chiaventone – Madonna della Scala

Totale a) 6 km, dislivello 100 metri, livello difficoltà: 1, navetta per il rientro

Totale b) 8 km, dislivello 100 metri, livello difficoltà: 1, navetta per il rientro

5) Dalla Serra agli Airali

L’itinerario si snoda su alcune carrarecce e strade bianche della collina chierese ricche ville sette-ottocentesche che ancora portano i nomi degli antichi proprietari e di vigneti con visita ai frutteti dell’Azienda Sperimentale della Facoltà di Agraria di Tetti Grondana.

Percorso: Porta Garibaldi (n. 251) – Cappella Sant’Irene – Sda della Contessa – Strada Baldissero- Strada Santa Margherita – Villa Belvedere – Canarone – Tetti Grondana – Airali

Totale 9 km, dislivello 100 metri, livello difficoltà: 2, navetta per il rientro

6) Cascine , rii e mulini della campagna chierese

Un percorso che vede al centro l’acqua con le testimonianze storiche e gli interventi che nei secoli l’uomo ha messo in atto per il suo utilizzo nell’agricoltura locale.

Percorso: San Giovanni di Riva – Cascina Rossignolo – Cascina Cesole – Andezeno

Totale 6,5 km, dislivello 0 metri, livello difficoltà 1, bus linea Vigo Torino-Montechiaro d’Asti

7a) 7b) Merenda con Don Bosco

Passeggiata nelle colline al confine tra le province di Torino e Asti ricche di preziose testimonianze storiche come la pieve romanica di San Lorenzo a Mombello di Torino e la cascina Moglia a Moncucco Torinese che per due anni dal 1827 al 1829 ospitò come garzone Giovanni Bosco,

fondatore dei Salesiani. Possibilità di merenda presso agriturismo Cascina di Maggio a Barbaso o presso Circolo Animamondo a Mombello.

Percorso a): Cimitero di Mombello – Tampette – Indiolo – Cascina Moglia – San Lorenzo – Mombello

Percorso b) Piazza Vittorio Veneto a Moriondo (n. 180) – Briano – Cascina Moglia – Pieve di San Lorenzo – merenda all’agriturismo Cascina di Maggio

Totale 6 km, dislivello 100 metri, livello difficoltà 1, bus linea Vigo Torino-Montechiaro d’Asti

8) Un angolo di paradiso

Passeggiata ad anello nel territorio del Comune di Mombello con visita alla pieve romanica di San Lorenzo, posta in una straordinaria posizione da cui si può godere un notevole panorama sulle colline circostanti e sulla catena delle Alpi

Percorso: Piazza Mazzini – Chiesa Sant’Anna – Chiesa di San Lorenzo – Chiesa di Sant’Anna – Piazza Mazzini

 Totale 4 km, dislivello 100 metri, livello difficoltà: 1, bus linea Vigo Torino-Montechiaro d’Asti

9) Mulini e fossili lungo il Traversola

Piacevole itinerario ad anello tra boschi e ruscelli nella splendida Valle dei Savi, percorso dal rio Traversala, ricco di affioramenti fossiliferi. Possibilità di merenda presso la Locanda “Il Mulino del Casale”, fatto costruire insieme al canale nel ‘400 durante il governo degli Orlèans nell’Astigiano.

Percorso: Oratorio S.Marco in frazione Savi – Ciocchero – Mulino del Casale – Oratorio S. Marco frazione Savi

Totale 6 km, dislivello 100 metri, livello difficoltà 1

10) Sulle orme dei pellegrini

Escursione giornaliera tra cascine e castelli medioevali sulle colline chieresi e del basso Monferrato che si concluderà all’Abbazia di Santa Maria di Vezzolano. Pranzo al sacco a Moncucco Torinese. Possibilità di visitare il Museo del Gesso nel Castello di Moncucco (ingresso a pagamento, 2 euro).

Percorso: partenza dal Municipio di Buttigliera – Moriondo T.se – Cimitero – Bric Vione – Briano – Cava di gesso – Moncucco T.se – pranzo al sacco o al Bar della Pace o delle Due Torri – Moncucco T.se – San Giuseppe – Pogliano – Cascina Betlemme – Vezzolano

Totale 14 km, dislivello 300 metri, livello difficoltà 2, navetta per il rientro

11) Cammino DiVino

Escursione tra castelli e vigneti delle colline chieresi e dell’Alto Astigiano con visita alla cantina dell’azienda vitivinicola e agrituristica Cascina Bric. Possibilità di visitare il Museo del Gesso nel Castello di Moncucco (ingresso a pagamento € 2).

Percorso: Piazza Vittorio Veneto a Moriondo T.se – Cimitero – Bric Vione – Briano – Cava di gesso – piazza Statuto a Moncucco T.se

Totale 8 km, dislivello 100 metri, livello difficoltà 2, navetta per il rientro

12) Pecetto: tra ciliegie e arte

Percorso ad anello su strade asfaltate, sterrate e sentieri di campagna, tra i ciliegi che caratterizzano il paesaggio collinare, con una visita guidata alla chiesa cimiteriale di San Sebastiano e ai suoi splendidi affreschi quattro-cinquecenteschi.

Percorso: Agricoo – borgata San Pietro – Chiesa di San Sebastiano – Municipio – Rosero – Agricoo

Totale 9 km, dislivello 100 metri, livello difficoltà 2

13) La collina morenica di Rivoli

Camminata ad anello di circa 8 km caratterizzato da un’ampia copertura boschiva (per lo più castagni) e da un paesaggio agrario che mantiene ancora il sapore di un tempo con la presenza di antiche cascine. Partenza ed arrivo dal castello juvarriano di Rivoli, sede dal 1984 del Museo d’Arte Contemporanea (ingresso con visita guidata € 4,5)

Percorso: Castello – Chiesa S. Bartolomeo – stagno Pessina – Pera Grosa – Cascina Vachiero – Castello

Totale 9 km, dislivello 100 metri, livello difficoltà 2

14) La Via dei Pellegrini

Itinerario nella collina morenica che lungo si snoda lungo antiche vie e attraversa borghi e borgate, ad ovest di Torino, nella bassa Valle di Susa congiunge il Castello di Rivoli con la Sacra di San Michele. Verrà percorso il tratto fino all’Abbazia di Sant’Antonio di Ranverso, recentemente riaperta ((ingresso € 2,5)

Percorso Castello di Rivoli – Cascina Vachiero – Sant’Antonio di Ranverso

Totale 9 km, dislivello 100 metri, livello difficoltà 2

Sentieri sul mare

1) La storica passeggiata a mare di Nervi

Percorso costiero, immerso nei vasti giardini secolari, ricchi di piante esotiche e ville storiche che ospitano interessanti musei (GAM, Raccolte Frugone, Museo Giannettino Luxoro, Wolfsoniana, ingresso a pagamento, biglietto cumulativo 10 euro). Dalla Marina di Capolungo si risale al quartiere di Sant’Ilario, reso celebre da De Andrè in “Bocca di Rosa” fino ad arrivare a Bogliasco.

Percorso: Nervi – passeggiata Anita Garibaldi – Sant’Ilario – Bogliasco

Totale 6 km, dislivello 100 metri, livello difficoltà 1

2) La vecchia ferrovia di Varazze

Questo percorso, che corre in buona parte lungo la vecchia ferrovia dimessa da oltre 40 anni, consente di ammirare le bellezze della costa della riviera ligure di ponente, proprio dalla riva del

mare.. Possibilità (riprendendo il bus) di raggiungere Albisola, il paese della ceramica, per visitare il Museo Trucco (ingresso gratuito) o la Fabbrica Museo Mazzotti (ingresso gratuito).

Percorso: Cogoleto – ex ferrovia – arrivo a Varazze lungo l’Aurelia – si gira in via Cavour – si entra nel centro storico

Totale 6,5 km, dislivello 0 metri, livello difficoltà 1

3) Nel cuore del Tigullio: tra Portofino e Camogli

Passeggiata nel cuore del Parco di Portofino tra boschi di castagni, lecci, pini marittimi e vedute panoramiche sul golfo di Camogli e Santa Margherita fino all’arrivo nella piazzetta più celebre d’Italia per poi arrivare, attraverso la splendida Baia di Paraggi, a Santa Margherita Ligure.

Percorso: partenza da San Rocco – Gaixella – Pietre Strette – Portofino – Paraggi- Covo

Totale 10 km, dislivello 250 metri, livello difficoltà 2

4) Da Camogli a San Fruttuoso

Suggestivo percorso nel cuore del Parco di Portofino che dal borgo marinaro di Camogli porterà alla millenaria Abbazia di San Fruttuoso, di proprietà del Fondo per l’Ambiente Italiano. Rientro in traghetto a Camogli (costo 7 euro) con visita libera al borgo.

Percorso: partenza da San Rocco – Gaixella – Pietre Strette – Abbazia di San Fruttuoso

Totale km 5,5, dislivello 250 metri, livello difficoltà: 2

5) Varigotti e le scogliere di Noli

Suggestivo itinerario tra ulivi e lecci che collega il pittoresco borgo all’antica repubblica marinara, regalando panorami spettacolari sulla costa ligure. Visita alla chiesa romanica di San Paragorio (ingresso con visita guidata 1,5 euro), restaurata dal D’Andrade alla fine del XIX secolo.

Percorso: Varigotti – Chiesa di San Lorenzo – Torre delle Streghe – Semaforo – Grotta dei Falsari – Santa Margherita – San Lazzaro – Noli

Totale km 6,5, dislivello metri 300, livello difficoltà: 2

6) Il Sentiero Natura di Borgio Verezzi

Itinerario panoramico nella macchia mediterranea, fra euforbie e ginestre, lavanda, carrubi e ulivi. Ricche sono le antiche testimonianze storiche, con torri, chiese, santuari e il celebre mulino fenicio. Al termine visita alle affascinanti grotte di Valdemino (ingresso con visita guidata da 7 euro)

Percorso: Borgio – Chiesa di San Martino – Crosa – Piazza – Roccaro – Grotte – Borgio

Totale km 5,5, dislivello metri 260, livello difficoltà: 2

7) Sestri e il promontorio di Monte Manara

Suggestivo itinerario con punti di straordinaria bellezza paesaggistica e naturalistica che si alternano lungo il percorso tra Punta Manara e i carrugi del borgo antico di Sestri con panorami spettacolari sulla costa ligure.

Percorso Via XXV Aprile – bivacco Manara – punta Manara – ritorno a Sestri

Totale km 6,5, dislivello metri 200, livello difficoltà: 2

8) La via Julia Augusta tra Alberga e Alassio

Escursione nella Baia del Sole tra i monumenti dell’età imperiale romana, chiese romaniche ed il profilo dell’isola Gallinara fino al celebre budello di Alassio. Possibilità di visitare il centro storico con le torri medioevale di Alberga e il battistero paleocristiano.

Percorso piazza del Popolo – Sant’Anna ai Monti- Chiesa di Santa Croce – Piazza Partigiani

Totale km 7,5, dislivello metri 100, livello difficoltà: 2

Condizioni e tariffe:

  • Gruppi minimo di 20 persone, 30 per le gite al mare

  • Prenotazioni con almeno una settimana di anticipo con una email a camminarelentamente2@gmail.com;

  • Per le passeggiate di mezza giornata la quota pro capite per l’accompagnatore è di 5 euro a testa per la mezza giornata, di 8 euro per la giornata intera (iva esclusa)

Trekking

1) Superga-Vezzolano-Crea

2) Cammino di Don Bosco

3) Via dei Pellegrini

4) Via Francigena Canavesana

5) Il Grande Sentiero del Roero

6) La Grande Traversata della Langa

7) La Cinque Terre dall’Alta Via

8) Via Francigena in Toscana

 

Commenti chiusi